Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Gastrobase.it

Utilità delle cellule mononucleate del sangue periferico nel predire la risposta clinica ai corticosteroidi nei pazienti asmatici


Gli esami del sangue sono necessari per identificare precocemente la resistenza agli steroidi nei pazienti asmatici in modo che possano essere gestiti con terapia antinfiammatoria alternativa.

Un totale di 19 pazienti asmatici con FEV1 inferiore all’80% del valore predetto sono stati classificati come resistenti agli steroidi o sensibili agli steroidi in base alla variazione della percentuale FEV1 dopo 7 giorni di Prednisone per os.

I campioni ematici sono stati raccolti al basale ( visita 1 ) e 30 giorni dopo la somministrazione di Prednisone ( visita 3 ).

Le cellule mononucleate del sangue periferico ( PBMC ) sono state coltivate per 4 ore con o senza 10(-7) mol/L di Desametasone, e la risposta cellulare al Desametasone è stata determinata utilizzando la PCR in tempo reale sulla base delle analisi di espressione dei geni regolanti gli steroidi.

È stata valutata la soppressione della proliferazione delle cellule T PHA-indotta da parte del Desametasone.

Il Prednisone ha significativamente migliorato le percentuali di FEV1 nei pazienti asmatici sensibili agli steroidi ( media: 17.5% ), ma non nei pazienti asmatici resistenti agli steroidi ( 0.8%, p minore di 0.001 ).

Prima del trattamento con Prednisone, la fosfatasi MKP-1 ( p=0.01 ) e IL-8 mRNA ( p inferiore a 0.05 ) erano significativamente più alti nelle cellule mononucleate del sangue periferico dei pazienti asmatici con resistenza agli steroidi.

Il TNF-alfa ( p minore di 0.05 ) e IL-8 soppressi dal Desametasone ( p minore di 0.05 ) sono risultati significativamente ridotti nelle cellule mononucleate del sangue periferico dei pazienti asmatici resistenti agli steroidi.

L'espressione del recettore glucocorticoide beta ( GCR-beta ), ma non GCR-alfa, è risultata significativamente aumentata nelle cellule mononucleate del sangue periferico dei pazienti asmatici con resistenza agli steroidi ( p=0.01 ).

La concentrazione di Desametasone inibitoria del 50% per la proliferazione di cellule mononucleate del sangue periferico è stata significativamente più alta per i pazienti asmatici con resistenza agli steroidi ( p minore di 0.05 ).

Questi marcatori non differivano tra i due gruppi nelle cellule mononucleate del sangue periferico 30 giorni dopo la somministrazione di Prednisone.

Il punteggio composito del saggio al basale prima di Prednisone è stato significativamente differente tra i pazienti asmatici con resistenza agli steroidi e sensibili agli steroidi ( p minore di 0.001 ).

In conclusione, le cellule mononucleate del sangue periferico dei pazienti asmatici con resistenza gli steroidi contengono livelli maggiori diMKP-1, IL-8 e GCR-beta mRNA al basale; presentano un rapporto inferiore GCR-alfa/GCR-beta mRNA; sono meno sensibili alla soppressione del TNF-alfa e IL-8 da parte del Desametasone e richiedono più Desametasone per sopprimere la proliferazione delle cellule T rispetto ai pazienti asmatici sensibili agli steroidi. ( Xagena2012 )

Goleva E et al, J Allergy Clin Immunol 2012; 129: 687-693


Med2012 Pneumo2012 Farma2012


Indietro