Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Pneumobase.it

Rinosinusite atrofica: tipologie e diagnosi


La rinosinusite atrofica è una condizione cronica associata a notevole morbidità e riduzione della qualità della vita.

È stata svolta una revisione della letteratura scientifica per descrivere i progressi nella caratterizzazione della rinosinusite atrofica secondaria e primaria, e lo sviluppo di criteri diagnostici per entrambe le sindromi.

La rinite atrofica primaria di solito si sviluppa come conseguenza di una malattia febbrile acuta nei membri dei gruppi socioeconomici più bassi, nelle aree in via di sviluppo del mondo.

La presentazione clinica e il riscontro di Klebsiella ozaenae nello scolo nasale purulento, maleodorante, di questi pazienti costituisce la base per la diagnosi.
Esiste un modello animale per la malattia nel suino, nel cui caso è stato sviluppato un vaccino efficace.

La rinosinusite atrofica secondaria è una condizione che segue la distruzione della mucosa nasale da parte di uno qualsiasi di una serie di processi infiammatori, tra cui malattie infiammatorie nasali, chirurgia dei seni nasali, e terapia antiangiogenica.

I criteri diagnostici comprendono epistassi ricorrente riportata dal paziente o anosmia episodica; o purulenza nasale documentata dal medico, formazione di croste nasali, malattia infiammatoria cronica che coinvolge le vie aeree superiori ( ad esempio, sarcoidosi, granulomatosi di Wegener, ecc. ) o due o più interventi chirurgici dei seni nasali.
I pazienti con due o più di questi criteri hanno rinite atrofica secondaria con una sensibilità di 0.95 e una specificità di 0.77.

In conclusione, la rinosinusite atrofica è il risultato dalla distruzione del normale epitelio respiratorio verso la transizione a un epitelio squamoso non-ciliato, perdita di clearance mucociliare, accumulo di muco stagnante. Tale ambiente facilita l’infezione acuta e cronica ( fase umida ), e l’eventuale sclerosi con epistassi e croste sanguinose croniche ( fase secca ). ( Xagena2010 )

Deshazo RD, Stringer SP, Curr Opin Allergy Clin Immunol 2010; 11: 1-7


Pneumo2010



Indietro