Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Onco News

Funghi e malattie allergiche delle vie respiratorie inferiori


L'asma è un disturbo comune che nel 2009 ha afflitto l’8.2% di adulti e bambini, 24.6 milioni di persone, negli Stati Uniti.

Studi epidemiologici negli Stati Uniti e in Europa hanno associato la sensibilità a muffe e funghi, in particolare per Alternaria alternata e Cladosporium herbarum, con lo sviluppo, la persistenza e la gravità dell'asma.
Inoltre, la sensibilità di Aspergillus fumigatus è stata associata con grave asma persistente negli adulti.

La aspergillosi broncopolmonare allergica ( ABPA ) è causata da Aspergillus fumigatus ed è caratterizzata da esacerbazioni di asma, ricorrenti infiltrati transitori radiografici del torace, tosse con espulsione di agglomerati di muco denso, eosinofilia periferica e polmonare e più elevati livelli di IgE sieriche totali e IgE specifiche dei funghi, soprattutto durante le esacerbazioni.

Le vie aeree sembrano essere colonizzate cronicamente o in modo intermittente da Aspergillus fumigatus nei pazienti con ABPA.

La aspergillosi broncopolmonare allergica è la forma più comune di micosi broncopolmonare allergica ( ABPM ); sono implicati altri funghi, tra cui Candida, Penicillium e Curvularia spp.

Le caratteristiche della micosi broncopolmonare allergica includono asma grave, eosinofilia, livelli di IgE totali e IgE specifiche marcatamente aumentati, bronchiectasie e colonizzazione fungina delle vie aeree.

Il termine asma grave associato con sensibilizzazione fungina ( SAFS ) è stato coniato per illustrare l'alto tasso di sensibilità fungina nei pazienti con asma grave persistente e miglioramento con trattamento antimicotico.

La immunopatologia di aspergillosi broncopolmonare allergica, micosi broncopolmonare allergica e sensibilizzazione fungina non è completamente nota.

Rischi genetici identificati nei pazienti con aspergillosi broncopolmonare allergica includono associazione HLA e varianti Th2 predominanti e di fibrosi cistica, ma queste non sono state studiate nei pazienti con micosi broncopolmonare allergica e sensibilizzazione fungina.

Terapie orali di corticosteroidi e antifungini sembrano essere parzialmente efficaci nei pazienti con aspergillosi broncopolmonare allergica.
Tuttavia, il ruolo delle terapie antifungine e immunomodulatrici nei pazienti con ABPA, ABPM e SAFS richiede ulteriori studi più ampi. ( Xagena2012 )

Knutsen AP et al, J Allergy Clin Immunol 2012; 129: 280-291


Pneumo2012 Med2012 Inf2012



Indietro